024 - La Rocca di Cavour nelle odi della belle epoque pinerolese


Negli anni Cinquanta, un mitico cantore della “Belle Epoque” pinerolese, il Prof. Luigi Timbaldi (1881–1963), grande estimatore della nostra Rocca, scriverà per Lei una delle più belle poesie in piemontese entrate a far parte della storia tradizionale cavourese.

L’autore la dedicò, nel 1954, al Commendator Francesco Rivoira che fu sindaco di Cavour dal 1946 al 1960 e presidente della Procavour dal 1959 al 1964.

Allora sulla Vetta della Rocca, esisteva solamente il pilone–ossario senza la statua della Madonna che vi sarà però collocata l’anno successivo, nel 1955.

La Rocca non era ancora entrata a far parte delle aree protette dal Piemonte (cosa che si realizzerà quasi trenta anni dopo, nel 1980), ma per Timbaldi era già come una sventolante bandiera al sole e all’aria pura che ben rappresentava le bellezze e i pregi della nostra regione.

“LA ROCA ‘D CAVOUR”

Da ‘ndova it ses surtia bèla Ròca
tuta vestia ‘d vert la stagion bèla
e d’invern con tò bianc mantel ed fiòca,
piantà ‘n mes dla pianura ‘n sentinela?

El Viso at manda ‘l vent del sò giassé
ch’a dà a le ròche ‘d sagome ‘d torion,
e ti it pie d’arie con ij tò roché
quasi sognand ij ciò e ij rampon.

Ma le tòe pere a l’an el segn dla stòria
ch’a l’an stampà ij mòrt del tò Ossari,
e l’ vent del Viso a basa la tòa gloria.

Ròca ‘d Cavour! Piantà ‘n mes dla pianura,
parej d’una bandiera del Piemont
ch’a sventola ent el sol, a l’aria pura.

Condividi questa pagina su