Pasticceria Artigiana

007 - Pasquetta sulla Rocca di Cavour: c'era una volta la marenda sinoira


Diceva Fabrizio Pignatelli su “La Stampa” del settembre 2002:

“Marenda-sinòira… a l’era un moment ëd san-a maravija! Apress ëd tuti ij travaj, a l’era un moment con ij temp giust për gusté le còse e con le còse giuste da mangé. …la pressa, o mej ancora, ‘l pi nen trové temp për deje na giusta faità a le mangiòire, a l’ha fane vni tuti ‘d pito (tacchini), ch’ampinisso ‘l gosé sensa sens, ma ampressa, ampressa!…  
…a l’era pa un disné an pien-a regola, e gnanca lë spatuss ëd na sin-a completa. Nò! A l’era na longa e bela mangiotada, fàita supër-giù da në strop ëd somà (amici) con na bela scusa e na bela fam. …as slongava un mantil a quadretin ross e bleu, peui ansima as butavo për dabin piat, bicer, cotej, forciolin-e, na trien-a ‘d pinton dël vèder verd e doi bei micon ëd pan fresch.
Peui, as piava un cotel e con n’andi-sèch as tajava ‘l cordin a un pàira ‘d salam.
Dòp a-i rivavo ij cossòt an carpion e ij polastr an geladin-a. An gèner, le marende-sinòire a j’ero preparà con ëd pitansòt gustos a portà-d’-man e sempre frèid. …a la fin, a-i era ancora ‘l temp për un tòch ëd bërgansòla e na crosta ‘d seirass dël fen,, për në scarabòcc ëd sambajon con a meuj le paste ‘d melia. …  
Che angalufrada da magnin (che grande mangiata!)!  
Cole fàcie soridente a l’avio gnun-e veuje ‘d piantela-lì, ansi, come d’incant, a-i partia da jë scartari dla ment, dë pcit arbuf ëd canson piemontèise, giutand pian pianòt a torna droché ‘nt ël mond dël quotidian… alégher!” 

(La merenda-sinoira era un momento di sana meraviglia! Dopo tutto il lavoro, era un momento con i tempi giusti per gustare le cose e con le cose giuste da mangiare. …La fretta, o meglio ancora, il non più trovare il tempo per dare il giusto valore all’esistenza delle mandibole, ci ha fatti diventare tutti dei tacchini, che riempiono il gozzo senza pensare, in fretta, in fretta!…
…non era un pranzo in piena regola e neanche lo sfarzo di una cena completa. No! Era una lunga e bella mangiata, di solito fatta con amici e con tanta fame. …si allungava la tovaglia a quadretti rossi e blu, poi ci si mettevano sopra per bene i piatti, i bicchieri, i coltelli, le forchette, due o tre pintoni (quelli dal vetro verde) e due micconi di pane fresco. Poi, con un coltello e un taglio secco, si liberava il salame dal cordino. Dopo c’erano gli zucchini in carpione, il pollo in gelatina: di solito si preparavano pietanze gustose e a portata di mano, ma sempre fredde. Alla fine, c’era ancora il tempo per un pezzo di gorgonzola, una crosta di sairass dël fen e uno scarabocchio di zabaione con le paste di meliga. Che gran mangiata! Quelle facce sorridenti non avevano mai l’aria di volerla piantare lì, anzi, come per incanto, dalle reminiscenze della mente, incominciavano ad uscire brandelli di canzoni piemontesi, che piano-piano aiutavano a ritornare nel mondo del quotidiano, con allegria).

E le marende-sinoire sulla Rocca di Cavour, così venivano già descritte nel 1888 dal maestro Pietro Baudino nei suoi CENNI STORICI:  
“… Questa Rocca era nei tempi di mezzo famoso presidio militare che difendeva il paese sottostante dalle invasioni dei barbari allora frequenti; ma di quei robusti propugnacoli non altro scorgesi oggidì che rottami e ruderi, ed il monticello è divenuto ora campo delle battaglie che si combattono coll’armi delle mandibole. Infatti nella bella stagione convengono a frotte i forestieri dai paesi limitrofi o da altri  lontani, carichi ognuno di sporte colme di viveri da consumarsi su quella altura ove l’aura pura è squisito concedimento alle vivande e l’occhio si ricrea d’un ampio e curioso orizzonte…” 

Condividi questa pagina su