Locanda La Posta

003 - Le maschere di Cavour


Con il rilancio del Carnevale, organizzato dalla Procavour nel 1980, si sono riscoperte le vecchie maschere di Cavour: “EL MARCHES ED RIMARON” (il MARCHESE DI RIO MARONE, già “Monsù Rimaron”) e “ LA CONTESSA ‘D MORICRIN” (la CONTESSA DEL MORICRIN, già “Castellana della Rocca”).
Il Rio Marone (detto anche Marrone) è un torrentello che nasce alle falde delle vicine montagne, fra Bibiana e Bagnolo Piemonte. Riceve le acque della bealera “via vecchia di Bibiana” che a sua volta riceve quelle provenienti dal famoso “Buco del Diavolo” e, a valle di Cavour, quelle del cosiddetto Canale di Cavour, denominato anche “canale dei mulini”. Questi ultimi due corsi d’acqua sono derivazioni artificiali del torrente Pellice, realizzate fin dall’ XI secolo per migliorare il sistema irriguo della pianura.

Il “Mori ‘d crin” (letteralmente “muso di maiale” per la somiglianza al profilo di quest’animale) è invece una parete rocciosa a strapiombo nella zona Ovest della Rocca. Louis Videl, segretario del Lesdiguières, nei resoconti dell’assedio francese del 1592, descrive questo luogo come “le rocce del Bernin”, dal nome del gentiluomo che lì si era portato con il suo reggimento.

Condividi questa pagina su