TENUTA LA MORRA

INFORMAZIONI GENERALI SULLA MELA

INFORMAZIONI NUTRIZIONALI
La mela è una buona fonte di fibra alimentare. Contiene pochissime calorie e proteine, ma è ricca di zuccheri benefici ( fruttosio), di preziosi acidi organici (malico, citrico, tartarico, tannico, salicilico), inclina, tiamina, riboflavina e pectina, di principi attivi ormonici ed enzimatici, di sali minerali, di vari oligoelementi.
Potere calorico: 50 calorie per 100 g

COMPOSIZIONE CHIMICA DI UNA MELA MATURA

Composizione % media

Composizione vitaminica per

100 gr. di sostanza edibile

Elementi minerali su 100 gr. di

sostanza edibile

Acqua 83,40

Vitamine B1 mg. 0,04

Calcio mg. 6,00

Ceneri 0,30

Vitamine B2 mg. 0,03

Cloro mg. 4,00

Zuccheri riducenti 8,00

Vitamine C mg. 0,06

Ferro mg. 0,30

Saccarosio 4,00

Vitamine A mg. 0,03

Fosforo mg. 10,00

Cellulosa 0,80

Vitamine B3 mg. 0,06

Iodio mg. 0,06

Pentosomi 0,50

Vitamine PP mg. 0,20

Magnesio mg. 6,00

Lignina 0,40

Vitamine B6 mg. 0,02

Potassio mg. 116,00

Acidi 0,80

Vitamine E mg. 0.003

Sodio mg. 15,00

Pectina 0,40

Vitamine H mg. 0,009

Zinco mg. 0,07

Lipidi 0,30

 

Zolfo mg. 4,00

Protidi 0,10

   

Le doti terapeutiche della mela sono tante: la mela vale per tutto e per tutti:

  • Per i piccolissimi, perché li aiuta a tollerare il latte, arrichisce la loro dieta, cura disturbi intestinali e sfoghi alla pelle.
  • Per i ragazzi, con i sali di potassio e di magnesio neutralizza l’acido lattico che si forma nei muscoli durante l’attività muscolare, inoltre di adatta molto bene alla lotta della cosiddetta “ipoglicemia dello scolaro” con i suoi zuccheri prontamente assimilabili a livello intestinale.

  • Per i giovani e gli adulti, per combattere inappetenza, svogliatezza e stanchezza primaverile. Per prevenire la placca batterica (masticando mele crude) e proteggere cosi i denti dalle carie e dalla piorrea, per mantenere la linea riducendo l’apporto energetico (la mela è costruita per l’84% di acqua), per affrontare l’attività sedentarie (la mela stimola la secrezione del succo gastrico e il deflusso biliare).

  • Per gli sportivi, perché indicata come alimento calorico (zuccheri semplici) per quei tessuti, come i muscoli e il cervello, che devono bruciare zuccheri in modo completo senza produrre acidi, indici di affaticamento, soprattutto in soggetti poco allenati.

  • Per gli anziani, per prevenire o combattere i mali tipici della terza età, come l’osteoporosi, l’aterosclerosi, l’ipotonia gastrica ed intestinale per cui è necessario ridurre il consumo di proteine animali, grassi e sale, adottando una dieta ricca di frutta, di legumi e di cereali.

COME CONSERVARE LE MELE
La mela fresca e ben conservata si distingue perché presenta:

  • Buccia turgida

- Polpa consistente, succosa e sapida

- Gusto aromatico secondo la varietà del frutto

- Sapore gradevole per il giusto equilibrio tra componenti acidi e zuccherini.

E’ consigliabile scegliere mele di stagione e non importate che, colte ancora non mature per resistere al trasporto, sono meno gustose e meno valide delle nostrane sul piano nutritivo.
Tenere a temperatura ambiente solo le mele di consumo immediato.
Per grandi provviste, disporle in cassette con il piccolo in basso e riporle immediatamente in una cantina (meglio ancora la “crota”) dove è possibile registrare una temperatura medio-bassa costante ed una umidità ottimale. Non consigliabile è il solaio, dove la mancanza di umidità, determinerebbe un rapido appassimento del frutto e il garage, dove i gas di scarico delle automobili provocano pericolosi inquinamenti,.

CONSIGLI UTILI

  • Le mele messe vicino ad altri frutti (banane,caki,kiwi,ecc..) ne accelerano la maturazione
  • Le mele, mescolate alle patate, non le fanno germogliare.
  • Il succo delle mele macchia: sciacquare subito in acqua fredda il tessuto. Per macchie vecchie candeggiare o, se si tratta di tessuti sintetici o di lana o di seta, prima del lavaggio, bagnare la parte con acido citrico, provando prima su un angolo nascosto dell’indumento.
  • Evitare di tenere tante mele dove ci sono piante da appartamento che, a lungo andare, ne risentono negativamente.
Condividi questa pagina su