095 - 1861/2011 150 anni di vita cavourese (cronologia essenziale)


1861

Gli abitanti di Cavour sono circa 7200. Sono già emersi i primi edifici industriali (filande, mulini, segherie) che però restano episodi isolati nel tessuto urbano, confermando la vocazione agricola del paese ed essenzialmente commerciale del centro. E’ aumentata la superficie irrigua, si sono affermate le colture di grano e meliga, si va diffondendo l’alteno e viene impresso un forte impulso all’allevamento dei bovini. Da tempo conoscono un periodo di vigoroso sviluppo la produzione di gelsi e la coltura del baco da seta.

 

Cavour è già da tempo sede di mandamento con Bibiana, Campiglione, Villafranca Piemonte, e Cardè

 

Secondo le disposizioni del codice penale, come ogni capo di mandamento, ha il suo carcere per i provvedimenti del giudice riguardanti le pene di polizia.

 

La cascina Odetti viene acquistata dalla illustre famiglia dei PEYRON

1862

Costruzione del campanile di S.Lorenzo

1865

Da Vigone , per il consolidamento e la riparazione degli argini del Chisone, viene richiesto espressamente materiale proveniente dalle cave di Cavour

 

Nasce la Società Operaia di Mutuo Soccorso

 

Viene istituita la Pretura di Cavour con sede in Via Giolitti (allora Via Maestra già Contrà Granda)

1866

1° prototipo di Biblioteca iniziato da alcuni insegnanti

1867 L’Abbazia di Santa Maria viene soppressa in ottemperanza alle leggi che aboliscono le congregazioni religiose con conseguente vendita all’asta dei loro superstiti beni (era già stata soppressa in epoca napoleonica e ristabilita nel 1821)

1871

Nasce la Banca di Cavour Spa (diventerà Monte dei Paschi di Siena dopo il 19 70)

 

A Villa Giolitti, lo statista fa mettere a dimora nel vialetto d’ingresso il Cedro del Libano che è ancora visibile tutt’oggi

1874

Inaugurazione della rinnovata chiesa parrocchiale e intitolazione ufficiale della stessa a San Lorenzo come quella antica extra-muros non più esistente.

1875

Inizio rifacimento del selciato (durata dei lavori nove anni + altri nove)

1876

Costruzione di quattro nuove arcate del portico a completamento di quelle esistenti dietro al Palazzo Comunale

 

Si apre l’ufficio telegrafico

1878

Costruzione di un osservatorio meteorologico (funzionante fino al 1950) sul campanile dell’antica chiesa degli Agostiniani oggi scomparsa (zona scuole Elementari “G. Serassio”)

1879 

Demolizione e ricostruzione del cosiddetto Mulino di Villa per dare più sbocco alla via Conte di Cavour

 

Esiste un “uffizio” di vetture pubbliche per Saluzzo e Pinerolo, Torre Pellice, Barge, Paesana e Saluzzo (vettura a 1 cavallo da 5 lire a 8, vettura a 2 cavalli da lire 10 a 15)

1881

Parificazione del Ginnasio di Cavour

 

Inaugurazione della tramvia tratto Cavour-Pinerolo

1882

Inaugurazione della tramvia tratto Cavour-Saluzzo

 

A fine ‘800 in Cavour esistono tre filande o filature per la produzione e la prima lavorazione della seta: in Via Gioberti, Via Mazzini (ang. Via Cavoretto) e Piazza Saroglia. Cavour, già annoverato fra i sei grandi mercati di bozzoli autorizzati nel dipartimento del Po in epoca napoleonica, sarà presto vittima, come tutto il territorio circostante, di una grave recessione che vedrà decimate tutte le produzioni compresa quella dei bozzoli. Molti cavouresi prenderanno la via dell’emigrazione verso la Francia, gli Stati Uniti, ma soprattutto verso l’Argentina. Per contro una nuova schiera di proprietari fondiari che avevano fatto fortuna nel commercio, nelle professioni, o al servizio dello stato, acquista appezzamenti di terreno o addirittura intere cascine. Si costituisce così uno strato nuovo e consistente di forza agricola formata anche da minuti conduttori che con determinazione tendono a migliorare e ad aumentare l’esistente, seguendo le esigenze e sfruttando tutte le possibilità.

 

La storica tipografia BIMA inizia la pubblicazione della rassegna settimanale “La Rocca di Cavour”

1885

Nessun caso a Cavour del colera che riappare dopo il terribile flagello del 1835

 

Primo Regolamento Edilizio che sara’ applicato fino al 1942

1889

Posa e inaugurazione sullo scalone del municipio del busto di Alessandro Plochiù, Greca di Generale  nella Battaglia di S.Martino (1859)

 

Realizzazione della Piazza S.Martino

1891

In Cavour risultano operanti i mulini cosiddetti “di mezzo” (molitura e pesta da canapa) e “di Villa”(solo molitura)

1893 Costruzione dei Bagni Pubblici Comunali

1894

Viene costituito il Consorzio Irriguo detto “dei quattro bedali” fra i comuni di Bibiana, Bricherasio, Campiglione Fenile e Cavour

1899

Viene redatto un preventivo per un impianto elettrico a Cavour “…da eseguirsi utilizzando il salto di acqua del cosidetto Molino di Mezzo di proprietà del Sig. Geom. Perassi col sussidio di macchina a vapore…”

1900

All’inizio del ‘900 nelle case rurali sono le stalle a essere costruite con materiali più pregiati e tecniche più moderne e costose rispetto alle abitazioni, mentre le case del centro hanno il piano terreno adibito a bottega con retrobottega. Le piazze sono per il mercato (sempre al martedì ormai da 500 anni), per la gente e per gli affari della campagna.

1901

Bartolomeo Vanzetti, a 13 anni, è garzone a Cavour dal pasticcere Goytre (a venti anni partirà per l’America dove verrà ingiustamente condannato e giustiziato, insieme con Nicola Sacco, nel 1927)

1903

Muore a Cavour l’ing.arch. Amedeo PEYRON, progettista fra l’altro dell’aula del Primo Parlamento Italiano a Torino e del Campanile e del soffitto a cassettoni della Parrocchiale a Cavour. Sarà sepolto nella tomba di famiglia del Cimitero Monumentale di Torino

1905

Viene attivato un servizio pubblico automobilistico tra Cavour, Villafranca Piemonte, Bibiana, Luserna e Torre Pellice

1908

Muore a Cavour , dove viene anche sepolto, Francesco Martini,          nonno del Cardinal Carlo Maria Martini

 

Inaugurazione Nuovo Asilo Infantile (quello antico istituito nel 1848 era situato in locali della Chiesa di Santa Croce)

1910 

E’ attiva la Centrale Termoelettrica della Società per le Forze Idrauliche dell’Alto Po dotata di alta ciminiera e di sei turbine azionate da potenti motori a scoppio alimentati da carbone proveniente dalla Germania (dalla stazione di Campiglione veniva trasferito a Cavour su carri trainati da cavalli).  Era situata nei pressi del Mulino di Mezzo.

1912

Secondo Felice Alessio nel Comune di Cavour esistono ventidue “scuole”: undici per il capoluogo, 1 per Babano, 2 per Gemerello, 1 per Castellazzo, 1 per Cappella del Bosco, 1 per Sant’Antonio, 1 per       Sant’Agostino, 1 per Cappella Nuova in Consorzio con Barge, 2 per Sant’Anna in Consorzio con Bagnolo e 1 per San Giacomo, 1 per Zucchea in consorzio con Vigone, 1 per le bambine pagate dalla Congregazione di Carità (ex scuola Ist. Pollano).

1914

Anche sulla Rocca, un falò per la festa dei Valdesi (con il permesso degli eredi dei Benso, proprietari allora della vetta della Rocca)

1915

La campagna per prima affronta i mali della guerra: se ne vanno al fronte, con i migliori uomini, raccolti, bestiame, scorte. Alla fine del 1° conflitto mondiale, però compare nell’attività agricola la meccanizzazione che dà nuovo impulso aiutata da un sistema irriguo potenziato e quasi completato.

1919

Nasce il Patronato O.N.C.A. di Cavour (Opera Nazionale Cesarina Astesana) per le giovani operaie (sarà chiuso nel 2009)

1920 

Inaugurazione in piazza Sforzini (allora Piazza Statuto) del Monumento ai Caduti

1922 

Regina Buffa, cavourese di nascita, andata sposa a Pietro Ferrua, dà il nome al panettone GALUP

 

Con la realizzazione della prima centrale idroelettrica (a Paesana) cessa di essere in funzione quella termoelettrica di Cavour che cambierà nel tempo varie destinazioni d’uso, esclusa la ciminiera che verrà abbattuta.

 

Dal cimitero di Vizentini, viene traslata a Cavour con solenne cerimonia la salma di Carlo Buffa di Perrero, caduto sul Carso nel 1916 e M.O. al Valor Militare (a Cavour gli è stata intitolata una via)

1926

Nasce l’Associazione Nazionale Alpini (A.N.A.) di Cavour

1928

Muore a Cavour, nella casa della madre in cui era vissuto negli ultimi trent’anni della sua vita, GIOVANNI GIOLITTI. Verrà sepolto nel cimitero locale, nella tomba di famiglia in cui , tra gli altri, è sepolta la moglie, Donna Rosa Sobrero, morta sette anni prima.

1930

All’inizio 900 esistevano in Cavour: 5 ciabattini, 2 zoccolai, 5 parrucchieri, 4 sartorie (con 15 apprendisti), 20 sarte (comprese frazioni) con trenta lavoranti, 5 panetterie (tutte con dipendenti), 5 macellerie (con dipendenti), 2 negozi per sellerie e articoli per cavalli, 4 maniscalchi per la ferratura di cavalli, 4 artigiani ciclisti, 1 garage auto, 1 distributore di benzina, 3 ferramenta, 1 bagno pubblico,1 banda musicale, 3 farmacie, tutte le chiese con rispettivo sacerdote, 1 segheria con circa dieci operai, 2 segherie per legno d’ebano, 1 laboratorio per pasta fresca, 3 fabbri ferrai, 5 mulini tutti a forza idraulica, 3 vetture funebri, 3 filande per bozzoli, 2 notai, pretura, tribunale, carceri, ufficio del registro, tramvia, ospedalino, 2 banche, 7 lavatoi (tre coperti e quattro scoperti), 1 bottega artigiana, 1 cestaio, in tutte le frazioni piccoli caseifici per la lavorazione del latte (burro e formaggio), circa una ventina fra piccole locande, trattorie e caffetterie con inclusa (nelle frazioni) la tabaccheria. (Testimonianza di Pasquale Musso).

1931

Costruzione del pilone-ossario sulla Rocca

 

Gli abitanti di Cavour sono 6231: l’emigrazione influisce gradatamente sul calo della popolazione che nei prossimi cinquant’anni diminuirà ancora di circa 1000 unità.

1932 

Si abbattono alcuni edifici e si realizza la nuova piazza IV Novembre

1935

Cessazione della linea tramviaria Pinerolo-Cavour-Saluzzo

 

Inaugurazione e ampliamento dell’Istituto Cottolengo Femminile con la nuova chiesa (la prima parte era stata realizzata nel 1854)

 

Costruzione della Casa Littoria a ridosso del Palazzo Comunale

 

L‘Ex Centrale termoelettrica Alto Po viene utilizzata come “ammasso del grano” dai fascisti.

1940

L’aquila del Monumento ai Caduti di Piazza Sforzini (allora piazza Statuto) viene donata per la Patria. Sarà sostituita con un’altra diversa nel 1952 con utilizzazione di fondi non utilizzati per i busti di Giolitti e di Camillo Benso.  

1943

Viene impiccato   sulla pubblica piazza dai nazisti per rappresaglia, Alfredo Sforzini. Al partigiano verrà intitolata la stessa piazza, fino ad allora piazza Statuto

 

Muore a Tirana (Albania), dove ancora oggi è sepolto, il Ten. Col. Luigi Goytre, MO Valore Militare. Una via a Cavour lo ricorda

 

Villa Peyron, Villa Bessone e Villa Giolitti vengono requisite per uso proprio dai fascisti, così come le tre ex filande, il municipio con la casa Littoria e l’ala del Gerbido.

1945 

Viene costituita a Cavour la CAVOURESE Spa, con un solo autobus di proprietà, mod. FIAT 626 di 30 posti e un solo autista impegnato sulla linea Cavour- Pinerolo.

1946

Nel referendum dell’8 giugno, Cavour vota nettamente per la monarchia (2927 contro 689) come la maggior parte del pinerolese, anche se poi com’è noto, vincerà la Repubblica.

1947 

Nasce presso la Locanda LA POSTA il primo PRANZO DEI GRASSONI che porterà alla ribalta una crescente tradizione gastronomica cavourese.

1949

La chiesa dell’Abbazia viene donata dal proprietario, sig. Barotto Michele, al Comune

1950

Ristrutturazione del pilone di San Sebastiano che viene decorato dal  

pittore villafranchese Mattia Fassi (un ulteriore restauro avverrà nel 2002 a cura dell’ANA sez.Cavour)

 

Don Mario Amore viene nominato Parroco di Cavour e nasce il Bollettino Parrocchiale “L’antenna sulla Rocca”

1952

Inaugurazione dei busti di Giovanni Giolitti e di Camillo Benso sulla facciata del municipio, alla presenza del Presidente della Repubblica Luigi Einaudi

 

Nasce il CIFOP (Centro Incremento Frutticoltura Ovest Piemonte) e Cavour né è sede.

1953

Muore a Cavour, dove è anche sepolto, Giacomo Serassio, insegnante pluridecorato per meriti scolastici. A lui sono intitolate le Scuole Elementari ed una via.

 

Prima mostra frutticola a Cavour

1954 

Sulla Rocca si ipotizza illusoriamente l’esistenza di uranio e anche oro, argento, ferro, cobalto e radio

 

Nascita 1° Centro Ricreativo di Babano

1955

Collocazione della statua della Madonna sotto le arcate del Pilone della Rocca

1956

Fondazione della PROCAVOUR

 

Cavour ha 5606 abitanti, il Comune pareggia su 45 milioni, lo stipendio di un impiegato comunale è di 675 mila lire, un loculo costa 50 mila lire.

1958

Prima mostra frutticola del CIFOP (Centro Incremento Frutticoltura Ovest Piemonte)

 

Inaugurazioni Circolo A.C.L.I. di Cavour

1959

Si inizia la strada Sud della Rocca

1960

Nasce la sezione cavourese dell’AVIS

 

Prima corsa diretta Cavour – Torino della Cavourese Spa

 

Inaugurato il nuovo Palazzo della Cassa di Risparmio

 

Ristrutturazione e realizzazione del Cottolengo Maschile con creazione della sezione femminile (l’intera struttura sarà chiusa negli anni novanta)

1961

Disfacimento e asportazione di tutti i selciati , costruiti un secolo prima con ciottoli e guide in pietra. Saranno sostituiti dall’asfalto.

1962

Si apre la Scuola Media Unica nei locali della ex-pretura (Via Giolitti)

1963

Inaugurazione del nuovo impianto di pubblica illuminazione con sfoggio d’autorità, dal direttore dell’Enel Nicoli, ai parlamentari Donat Cattin, Coppo e Borra. La sostituzione dell’intera rete e l’installazione di 120 punti luminosi a vapori di mercurio con accensione comandata da cellule fotoelettriche sono costate un anno di lavoro e svariati milioni, di cui cinque erogati dall’Amministrazione.

 

il Maestro Celestino Comba vince alla FIERA DEI SOGNI di Mike Bongiorno il televisore per la scuola di Castellazzo.

1964

Inaugurazione dei grandi restauri effettuati all’Abbazia di Santa Maria (sec.XI)

 

Nasce il Gruppo Donne Rurali

1965

Si appaltano i lavori per la realizzazione dell’acquedotto (inaugurazione 1968) e per la fognatura

 

Viene realizzato da privati il filmato “CAVOUR, storia di un borgo piemontese” finanziato anche dal Comune.

1966

Le carceri mandamentali soppresse cedono i locali alla Scuola Professionale per l’Agricoltura

 

Viene istituito il servizio distribuzione gas della Subalpina Gas

 

Si acquistano i primi due scuolabus

1967

Il cimitero si amplia al terzo campo

 

Si aprono i giochi da bocce in Piazza Solferino (Gerbido)

1968

Il Patronato Scolastico istituisce il Parco Giochi Robinson

 

Inaugurazione dell’acquedotto alla presenza dell’On. Luigi Scalfaro

1969

Nasce il TENNIS CLUB

1970

Inaugurazione Monumento ai Caduti all’ingresso del camposanto

1971

Dopo 12 anni dalla costruzione (iniziata dalla Procavour) la strada sud della Rocca diventa comunale

 

Imposizione del divieto di caccia sulla Rocca su richiesta della Procavour

1972

Inaugurazione delle nuove Scuole Medie “GIOVANNI GIOLITTI”, intitolate in un primo tempo al poeta torinese Nino Costa (1886-1945)

 

Si gira a Cavour (Villa Lupi) una parte del film “Il caso Lafarche” con Paola Pitagora

 

Viene abbattuta la torre del Collegio per costruire le nuove Scuole Elementari

 

Nasce il Moto Club FRAMAC (futuro Moto Club La Rocca)

1973 

Si lottizza il cosiddetto “Prato delle Porte” e si cerca di lottizzare anche la Rocca

 

Nasce l’associazione “Gli amici di Cavour e della Rocca” (statuto approvato nel 1978)

1974   

Inaugurazione delle nuove scuole elementari “GIACOMO SERASSIO”

 

Realizzazione del primo Museo Storico di Cavour nel monastero dell’Abbazia di Santa Maria con il materiale appartenente al Museo Parrocchiale di monsignor Arato

 

Viene chiuso il lavatoio di Via Conte di Cavour

1975

Il Comune elimina la “pompa” di Cavoretto

1976

Viene acquistato il Prato del Collegio per farne parco e piazza

1977

Straripamento del torrente Pellice con distruzione di ponti e allagamento di Castellazzo, Gemerello e altre zone di Cavour

1978

Viene chiusa al traffico la strada Nord della Rocca

 

Inizio restauro locali del monastero dell’Abbazia di Santa Maria

 

Delegazioni coreana e rumena presenti a Cavour per il 50° anniversario della morte di Giovanni Giolitti, a cui è presente anche l’on. Spadolini

 

Nasce il FOOTBALL CLUB CAVOUR

1979

Inaugurazione del Monumento all’Alpino (Gerbido)

 

Scoperta della pittura rupestre sulla Rocca da parte del Sig. Franco Zavattaro

 

A Babano, il Comitato Festeggiamenti distribuisce per la prima volta le famose torte

1980 

Nasce il PARCO NATURALE REGIONALE DELLA ROCCA DI CAVOUR comprendente anche l’Abbazia di Santa Maria

 

Chiude lo storico “Mulino di Villa” ex proprietà dei Marchesi Benso

 

Prima edizione di TUTTOMELE

 

Prima edizione della PEDALACAVOUR

 

Mario Demaria vince 10 milioni a FLASH, trasmissione di Mike Buongiorno, rispondendo a domande sulla storia del Milan

1981

Viene chiuso il cinema locale

 

Si apre il CENTRO ANZIANI (preesistenza dal 1973 / statuto del 1993)

 

Sostituzione di tutti i 1368 vetri della navata centrale della Chiesa Parrocchiale

  Il Comune acquista dai discendenti dei Benso di Cavour tutta la proprietà dei terreni della Vetta della Rocca

1982 

In occasione della fondazione della Nuova Società Bocciofila Cavourese, si prospetta la costruzione del Bocciodromo che avverrà negli anni immediatamente successivi  

 

Realizzazione della piazza Saroglia con smantellamento dell’orto dell’ex Isituto Femminile S. Giuseppe

1983

Restauro soffitto a cassettoni della parrocchiale

 

Chiusura delle Scuole Frazionali

1984

Primo CAMPEGGIO SULLA ROCCA per ragazzi della scuola dell’obbligo gestito dalla Procavour

 

Importante scoperta archeologica : la necropoli romana di via Villafranca

 

Adozione del Piano Regolatore Generale

 

Le suore del Cottolengo lasciano l’Ospedale di Cavour

1985

Nasce a Cavour (dove ancora oggi ha la sede) il Comitato Regionale Piemontese dell’UNPLI (Unione Nazionale Proloco d’Italia)

1986

Inaugurazione del mosaico della Consolata sul campanile di S.Lorenzo

 

Restauro della Sindone di Via Giolitti

  Realizzazione impianto di depurazione acque e lancio raccolta differenziata dei rifiuti

1987

Rifacimento del tetto dell’Abbazia di Santa Maria

 

La PALLAVOLO CAVOUR (nata nel 1984) vince il Campionato Regionale “UNDER 14” e và a Chioggia a  disputare il Campionato Nazionale

1988 

Costituzione del gruppo folkloristico “I DANZATORI DI BRAM” (1989 Fondazione)

 

L’Asilo Infantile diventa statale

 

Nasce la CROCE VERDE di Cavour

 

Gli ex-bagni (esistenti dal 1893) diventano sede dell’associazione Alpini di Cavour (prima ospitata nel Palazzo Buffa di Perrero)

 

Si apre l’UFFICIO DI INFORMAZIONE TURISTICA gestito dalla PROCAVOUR in locali concessi dal Comune

 

Don Mario Ruatta è il nuovo parroco di Cavour

1989 

Le strade del Centro Storico vengono lastricate con masselli di cemento e vengono rifatti tutti i sottoservizi: acqua, energia elettrica, telefono, fognature bianca e nera, gas

 

Inaugurazione lapide giolittiana sulla facciata della Casa Plochiù-Giolitti, alla presenza fra gli altri, dell’On. Goria e dell’On. Zanone

  La Città di Gemona dona al Comune di Cavour i prefabbricati che serviranno per la casa del Tennis, per il Tiro a Volo, per il garage della Croce Verde e per il Salone dell'Oratorio

1990

l’acquedotto viene affidato all’ACEA

 

Nasce l’ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI (statuto 1995)

  Viene inaugurata l'importante ristrutturazione del Palazzo Comunale dove vengono recuperati ad uffici municipali i locali già adibiti a residenza privata, a ufficio postale e del Registro. Nel sotottetto trova collocazione l'Archivio Comunale da poco riordinato

1991

Inaugurato il cippo al generale Carlo Alberto dalla Chiesa

 

Restauro dell’Ala Comunale (sec.XVI)

 

Apre la terza banca : il San Paolo

 

Restaurata la casa sulla Rocca di proprietà comunale

 

Per sicurezza si installano sulla Vetta della Rocca alcune staccionate

 

Prima guida turistica da titolo “CAVOUR, una proposta turistica” a cura della ProCavour

  Viene aperta la nuova Via Gemerello

1992 

Costituzione sezione cavourese del CAI

 

Inizio restauro del Palazzo dei Bottiglia di Savoulx (P.zza Sforzini)

 

L’ufficio postale si trasferisce dal Palazzo Comunale alla sede attuale di Via Roma

 

1° Premio a Montescaglioso per il video VHS 20’ “CAVOUR, una città da gustare” edito dalla Procavour

1993

Si apre l’UNITRE cavourese

 

La storica Locanda “LA POSTA” si trasferisce nella nuova sede di via dei Fossi

 

Una disastrosa grandinata distrugge oltre 2000 ettari di colture cavouresi

1994

Viene riaperta al pubblico la chiesa di Maria Ausiliatrice

 

Viene inaugurato il nuovo oratorio di S.Lorenzo

 

Gemellaggio con Cavour Santa Fe’ (Argentina)

 

Inaugurazione del Palasport

 

Fondazione Associazione Nazionale del Fante Sezione di Cavour.

1995

Il Parco Naturale Regionale della Rocca di Cavour entra a far parte delle AREE PROTETTE DELLA FASCIA FLUVIALE DEL PO-TRATTO CUNEESE (dal 2012 sarà sotto la tutela della PROVINCIA DI TORINO)

 

La ASD CAVOUR CALCIO vince il Campionato di Calcio seconda categoria

 

Realizzazione nuova stazione bus

 

Il Bilancio comunale pareggia su 5894 milioni. Rispetto al 1956 la lira si è deprezzata 18 volte

 

Nasce il “Coro Piemonteis LA ROCA”

1996

L’ex Ist.Cottolengo Femminile diventa   Residence San Lorenzo (casa di riposo proprietà privata)

1997 

Urbanizzazione zona della futura piazza Rivoira   a cura della Procavour

 

Nasce il canile a cura dell’Associazione “Amici del Rifugio di Cavour”

1998 

La storica VILLA PORTIS diventa Villa dei Tigli (casa di riposo proprietà privata)

 

Inaugurazione lapide sulla Casa degli Acaja – Racconigi – Savoia per ricordare la cosiddetta “PACE o TRATTATO di CAVOUR” fra i Savoia e i Valdesi (1561).

  Inaugurazione Museo "Arte Sacra Parrocchiale" nella Chiesa dei SS. Nomi Gesù e Maria (sarà trasferito nella Chiesa di Santa Croce nel 2011)

1999

La cavourese ELISA VAIRA arriva alle finali di MISS ITALIA

2000

Un fulmine distrugge parzialmente la secolare sequoia di Villa Marchisio (un tempo chiamata “La Vigna”)

 

Inaugurazione di tutti i grandi restauri della Chiesa Parrocchiale ed esecuzione sui muri esterni del “logo” del Giubileo

 

Prima edizione de “ LA SETTIMANA DELLA CARNE”(in seguito “CAVOUR, CARNE DI RAZZA PIEMONTESE): diversi sono gli allevamenti specializzati per i bovini “Razza Piemontese” che spesso vengono premiati alle più importanti manifestazioni nazionali e che consentono la produzione dell’ottima “Carne di Cavour”.

 

Nascita della Banda Musicale “San Lorenzo” di Cavour

 

I cavouresi Aldo Manavella, Bruno Maffioli e Nicolò Martellini attraversano l’Atlantico su una piccola barca a vela (circa 4000 miglia in 30 gg. per l’andata e altrettante in 38 gg. per il ritorno)

2001

Nasce l’Associazione “Cavour in Fiore”

2003

Ultimata la ristrutturazione del monastero dell’Abbazia di Santa Maria (tinaggio , salone polivalente e locali limitrofi)

 

Inaugurato il guado di Zucchea

 

Inaugurata nuova area attrezzata camper in zona Polivalente

 

Nasce la CAVOUR GREEN GOLF

2004 

La Biblioteca ritorna nel Palazzo Comunale (dopo anni di provvisoria dislocazione presso le ex scuole elementari) e diventa Centro Polifunzionale.

 

Realizzazione nuovi giardini pubblici in Via Verdi

 

Inaugurazione nuova rotonda di Via Saluzzo e del Viale pedonale che collega il paese all’Abbazia

2005 

Viene abbattuto il secolare “rol gròs” di via Goytre e il pino del Gerbido (zona lavatoio), assieme ai platani di Via Re Umberto (pericolosi per processi di decadimento strutturale)

 

Come a Barge, Pinerolo e Torre Pellice, anche a Cavour apre un Centro Culturale Islamico : l’ASSALAM

 

Costituzione del Gruppo DONNE INSIEME

2006

Si costituisce il Gruppo Operativo cavourese della Protezione Civile

 

Realizzata la minirotonda di Via Giolitti e di Via Cottolengo all’intersezione con Via Dante

 

Passa anche da Cavour la fiaccola delle Olimpiadi Invernali di Torino 2006

2007  

Gemellaggio con LAS VARILLAS (Cordoba / Argentina) in ricordo del missionario cavourese padre Lorenzo Mensa.

 

Inaugurazione della nuova “Cappella dell’Accoglienza”, all’interno della struttura parrocchiale.

2008

Inaugurazione MUSEO ARCHEOLOGICO DI CABURRUM (monastero Abbazia di S.Maria)

 

Realizzata PISTA CICLABILE intorno alla Rocca

 

Nuova importante scoperta archeologica di una strada romana nei pressi dell’Abbazia

 

Arriva lo scuolabus vinto dalla squadra della Procavour alla trasmissione televisiva “Mezzogiorno in Famiglia” della RAI

 

Riconoscimento NATO al Gruppo ANA di Cavour per gli aiuti umanitari in Kosovo

2010

Restaurata la cosiddetta CASA DEGLI ACAJA (SEC. XVI)

 

Restaurato Campanile di S. Lorenzo

 

Realizzata la rotonda all’incrocio Babano/Gemerello e quella di Via Campiglione

 

Si apre il FARMER-MARKET sotto l’Ala Comunale

 

Al Gerbido intitolata la Piazza al Terzo Alpini

2011      

Per la seconda volta è in pellegrinaggio a Cavour la MADONNA PELLEGRINA (la prima volta era stata nel 1949 e la terza sarà nel 2012).

 

Gli abitanti di Cavour sono circa 5700 (popolazione femminile di poco superiore alla metà, popolazione straniera di circa 400 unità rappresentanti 25 nazioni e 4 continenti diversi). Mentre il Centro risulta essere interessato solamente da ristrutturazioni, nelle aree esterne, soprattutto lungo le direttrici per Pinerolo e Bagnolo, l’edilizia residenziale privata si sta progressivamente espandendo. Oltre 400 aziende agricole continuano a testimoniare la vocazione agricola di Cavour che pur può vantare piccole ma fiorenti industrie per la lavorazione della carne, della pietra, della piccola meccanica e dell’artigianato. Un turismo di nicchia e una gastronomia affermata completano il ritratto della Cavour a 150 anni dall’Unità d’Italia.

 

Condividi questa pagina su