Glorioso

088 - Un osservatorio meteorologico a Cavour (C'era una volta)


Fu inaugurato il 19 dicembre 1878 dal “chiarissimo” Padre Denza.
Istituito per iniziativa privata l’osservatorio fu ricavato sulla sommità del campanile dell’antica chiesa del convento degli Agostiniani, in quel tempo divenuto collegio-convitto con ginnasio.

E’ documentato nella “Guida delle Alpi Cozie -Distretto del Viso- Distretto valdese (sezioni 4 e 5) per John Ball (già presidente del Club Alpino Inglese, ecc…) –Traduzione di R.E. Budolen con note e aggiunte dei signori Cav. V. Buffa e Dott. Rostan (membri del CAI sezione di Pinerolo) – Tipografia Chiantore e Monreale – Pinerolo 1879”
Nel testo riguardante Cavour, gli autori si augurano fra l’altro che, così come la torre del collegio richiamò l’attenzione del Padre Denza, ci possa essere un esame o un canto o una ode che richiami l’attenzione sulla misteriosa e intrigante giacitura della Rocca.
Le rilevazioni – scrivono Marta Colangelo e Walter Careglio nel libro “Al tempo del Grano” ed. Alzani/2002 – furono effettuate dal 1° gennaio 1879 dal Prof. D.G. Cuffia e proseguite fino al dicembre 1950 grazie all’opera della signora Maria Abbate Daga, farmacista di Cavour… La strumentazione consisteva in un termometro a minima e massima, un termografo ed un pluviometro.
“Nel 1951 entrò in funzione un nuovo osservatorio in Via Saluzzo 11, nel cortile dell’abitazione del cantoniere Giuseppe Boero. L’attività di questo osservatorio durò fino al 1981 quando il pluviometro fu dato in gestione al Sig. Michele Boaglio, in località San Martino di Barge, nel cortile della Cascina Bellina….”

Grazie a più di cento anni di rilevazioni dell’osservatorio (pubblicate nel 1999 in un cd-rom dalla Regione Piemonte) possiamo conoscere le stagioni più piovose o più secche in quell’arco di tempo:
        più piovose – primavera 1898 / estate 1917 / autunno 1907 e inverno 1972  
        più secche  – primavera 1955 / estate 1894 / autunno 1989 e inverno 1952

Padre Francesco Maria Denza, barnabita, astronomo e meteorologo, nacque a Napoli nel 1834.
Fondò a Moncalieri, nel Real Collegio Carlo Alberto dove insegnava matematica e fisica, il suo primo piccolo osservatorio meteorologico completamente funzionante nel 1859. Il suo lavoro consistette anche nel confrontare i dati ivi rilevati con quelli di altri osservatori sparsi in Piemonte e Valle d’Aosta. Fondò anche altre stazioni (fra cui quella di Cavour) e un mensile sul quale comparvero anche articoli di astronomia, altra sua grande passione.
Nel 1876 fu invitato dal cavourese Vincenzo Buffa di Perrero (suo allievo?) a far parte della spedizione che avrebbe collocato una nuova statua della Madonna sul Monviso, spedizione alla quale purtroppo il padre non potè partecipare.
Oltre alla sua attività d’insegnamento al collegio moncalierese, dal 1880 diresse anche la società Meteorologica Italiana, diventando, nel 1891, direttore della specola vaticana, nonostante ormai gravemente invalidato. Morì a Roma nel 1894.

La torre-osservatorio di Cavour, sarà demolita nel 1972 quando, a seguito della delibera per la costruzione delle Scuole Elementari (inaugurate nel 1974), l’intera struttura dell’ex collegio subirà una radicale ristrutturazione.

Condividi questa pagina su