077 - Gaio Vibio Pansa, il fondatore di Forum Vibii che forse morì assassinato


Pretore della Bitinia e del Ponto, poi luogotenente di Giulio Cesare in Gallia, quando Gaio (Caio) Vibio Pansa fondò il centro urbano di Cavour (45/44 A.C.) era proconsole in Gallia Cisalpina.
Ritornato a Roma fu elevato al consolato con Irzio (altro luogotenente di Cesare in Gallia), assieme al quale, alla morte di Cesare, sostenne il movimento senatorio d’opposizione a Marco Antonio. E ‘ proprio combattendo contro quest’ultimo, prima a Forum Gallorum (l’odierna Castelfranco d’Emilia) e poi presso Modena che entrambi i senatori troveranno la morte (43 A.C.).
Esiste il dubbio che forse furono addirittura assassinati per favorire sottili e poco chiari giochi politici nella corsa al potere del “dopo Cesare”: Irzio colpito in combattimento da mani che credeva amiche, e Pansa morto due giorni dopo per una infezione provocata volontariamente alle sue ferite o si dice anche per una pugnalata mentre giaceva ferito.
E ‘ scritto che Gaio Vibio Pansa fosse figlio di un proscritto di Silla, che amava le armi ma che non trascurava le arti umanistiche, che era particolarmente portato all’eloquenza per la quale prendeva lezioni da Cicerone.
 
“Fu promotore della strada che – dice Giovanni Peyron in “Cavouresi legionari romani” – attraverso la zona di Cavour univa la valle del Tanaro alla Valle del Monviso e di là, attraverso il Colle delle Traversette, andava in Gallia. Gaio è il prenome, Vibio il Gentilizio, molto frequente fra i Sunniti, i Latini e gli Umbri, Pansa, il cognome. Gli storici affermano che Gaio Vibio fu il più illustre fra i Pansa….”
 
Era nato a Roma nel 91 A.C.
E sempre a Roma, insieme con Irzio e con funerali di stato, fu sepolto nel Campo Marzio.
 
 
 
 
 
Condividi questa pagina su