041 - I numeri della Rocca


La Rocca di Cavour non è un masso erratico spinto giù dai ghiacciai, né tantomeno una formazione vulcanica. Questa credenza radicata e diffusa nel pinerolese fino a qualche decennio fa, è la conseguenza di scritti divulgativi ottocenteschi che la volevano addirittura parte del Monviso.
L’unico ghiacciaio che, nei diversi periodi glaciali, si affacciò sulla pianura in direzione di Cavour fu quello del torrente Pellice che, pur avendo uno sviluppo di oltre 20 chilometri, si esaurì nei pressi di Bibiana, a circa 7 chilometri dalla Rocca.
I massi erratici trasportati dai ghiacciai, difficilmente superano gli11.000 mc e le 15/20 tonnellate di peso (il più grande conosciuto ha appunto questa mole e si trova in Svizzera, nella Valle Abkerne).
La Rocca quindi non è altro che l’affioramento della vetta rocciosa dell’ultima propaggine della grande regione alpina parzialmente sepolta sotto i potenti depositi quaternari che hanno formato la Pianura Padana.
Con i suoi 162,8 metri di altezza, ha un’estensione EW di 825 metri e 885 metri NS; tenendo conto che almeno 1/3 della sua mole è sepolto dall’”alluvium” (materiale ciotoloso e incoerente fornito dalla catena alpina), la sua cubatura dovrebbe essere compresa fra i 60/75 milioni di mc, con un probabile peso di 150 milioni di tonnellate.

La sua circonferenza è di metri 2850,  e le sue coordinate geografiche rilevate ai piedi della croce situata sulla vetta sono:

latitudine 44° 46’ 50’’
longitudine 07° 22’ 25’’ (est di Greenwich)
longitudine 05° 04’ 42’’ (ovest di Roma Monte Mario)

Appartiene al massiccio cristallino del Dora – Maira. E’ costituita da rocce del Carbonifero risalenti a 300 milioni di anni fa, ed è emersa circa 35/40 milioni di anni fa, insieme con le Alpi e tutte le più grandi catene montuose del mondo.

Appartiene al massiccio cristallino del Dora – Maira. E’ costituita da rocce del Carbonifero risalenti a 300 milioni di anni fa, ed è emersa circa 35/40 milioni di anni fa, insieme con le Alpi e tutte le più grandi catene montuose del mondo.

Condividi questa pagina su