Procavour

037 - La Banda della Marina Militare a Cavour in omaggio al varo dell'ammiraglia "Cavour"


Successe nel 2004, in occasione della 25° edizione di TUTTOMELE.
Il varo dell’ammiraglia della Marina Italiana, una portaerei lunga 244 m. e larga 39, era avvenuto quello stesso anno, il 20 luglio, a Riva Trigoso (Genova).
L’allora Capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi, presente all’evento, la definì “un presidio di libertà”, destinata a diventare l’unità maggiore e più moderna della Marina militare. Era stato lo stesso Presidente a suggerirne il nome: “CAVOUR”.
La Procavour, venuta a conoscenza del fatto durante un incontro con le Proloco della Provincia di Massa Carrara, aveva immediatamente pensato di proporre alla Marina un Gemellaggio con Cavour, e il Comune, interpellato aveva approvato con entusiasmo, facendo partire all’istante lettere al Presidente Ciampi e al Ministero della Difesa.
“Sapere che il fiore all’occhiello della Marina porta il nome di uno dei padri fondatori della patria, ma anche del nostro Comune ci rende fieri; la portaerei “CAVOUR”ci fa sentire legati alla Marina (…). Chiediamo, se possibile, l’apertura di un dialogo che possa concretizzarsi nel rafforzamento di quei valori che accomunano la nave ammiraglia al Comune di Cavour. La prima occasione potrebbe essere la XXV edizione della nostra rassegna “TUTTOMELE” E Cavour sarebbe onorata di ospitare la vostra celeberrima Banda della Marina militare…”
Il Presidente Ciampi e la Marina militare avevano risposto di si e così, nel programma di TUTTOMELE, per la domenica del 14 Novembre, con gli onori alla Marina, fu inserita questa straordinaria partecipazione.
L’ammiraglia “CAVOUR” è stata ufficialmente presentata a Civitavecchia nell’Ottobre del 2008.
Con un equipaggio di 500 uomini (che possono arrivare a 1200 con le truppe di sbarco del battaglione San Marco e con la componente volo), la nave rappresenta l’insieme di tante navi, con molte funzioni per la sicurezza in mare, per la protezione civile e l’assistenza in genere.
Nella Biblioteca di bordo, grazie all’interessamento del Comandante della nave, il Capitano di Vascello Gianluigi Reversi, c’è anche il volume “CAVOUR, PAGINE DI MICROSTORIA”, edito dalla Procavour nel 2006 per il 50° anniversario di fondazione.
Il 10 giugno 2009, in occasione della Festa della Marina, la nave ha ricevuto la Bandiera di Combattimento, donata dalla Città di Torino, città natale di Camillo Benso che fu anche, tra l’altro, Ministro della Marina, che, lo ricordiamo, nacque con l’Unità d’Italia.
Nel gennaio 2010 salperà da La Spezia per la sua prima missione importante: la meta è Haiti e il compito è quello di portare sul posto, devastato dal recente terremoto, mezzi di soccorso, come ruspe, elicotteri, mezzi di movimento terra e altro ancora, ma soprattutto aiuto medico con l’ausilio della Croce Rossa e di un contingente di Alpini.
Dal 2011, per i 150 anni dell’unità d’Italia, una piccola esposizione permanente di cimeli cavouriani custoditi da sempre nel complesso immobiliare di Santena, troverà eccezionalmente posto nel quadrato ufficiali di questa nostra grande ammiraglia, una delle 25 portaerei operative nel mondo.

 

Condividi questa pagina su