Artigiana Traslochi

035 - Guido Ferrero (1899-1978) Primo Presidente della Procavour nel 1956


Guido Ferrero, già Presidente dei Comitati Festeggiamenti del Carnevale, fu il primo Presidente della Procavour, dal 1956 al 1959. Partecipò alla Prima Guerra Mondiale come Maggiore di Fanteria, conquistando la Medaglia di Bronzo al Valor Militare.
Cavaliere di Vittorio Veneto dal 1966 fu anche Ufficiale della Repubblica Italiana.
Allievo dei salesiani a Valsalice, dove apprese tutte le attività che gli furono utili nell’impegno sociale a Cavour, per anni diresse la filiale di Cavour della CRT. Dotato di grande comunicativa e ispirazione poetica, scrisse diverse poesie e canzoni su Cavour, fra cui “L’è Cavour nà sitadin-a “ e “La Madonin-a dla Ròca”, che si ripropone qui di seguito.
Fu anche animatore della locale compagnia di Teatro per cui scrisse pregevoli saggi. Avviò il motore della Procavour dandole la prima impostazione organizzativa.
Grande appassionato di pesca, morì tragicamente proprio mentre esercitava questo suo sport preferito, nelle acque del Cantogno, il giorno di Ferragosto del 1978.
Nel 1996 la Procavour gli ha assegnato il Premio “AMORE PER CAVOUR” (alla memoria).

LA MADONIN-A DLA RÒCA

Lassu sla Ròca, ancontra al bleu del ciel,
an mes a le ruvin-e del castel,

a j-è una Madonin-a bianca bianca
che i brass, per ambrassene, a n’ spalanca.

‘l sol a la matin a-j fa gran festa,
posandje ‘l sò diadema su la testa;

a la seira, peui, quand che ‘l sol an pianta,
j’ultim ragg a la ‘ndoro tuta quanta.

Se ‘l ciel a l’è seren e la neuit bon-a,
le stelle tute quante a j fan coron-a.

I vent a la caresso neuit e dì,
fasand a gara a chi l’adŏra ‘d pì.

L’erba, a ij so pé a deposita d’istà
un tapis a color tut ricamà,

tut ricamà da ogni sort ed fior
ch’a van giogand a chi ch’a j fa pì onor. 

E quand ch’a j ven l’invern la fiòca a j fa
un mantel come chila imacolà.

Tuti la onoro: ‘l sol, la luna, i vent,
mach coi ‘d Cavour son trop indifferent…. 

Una volta, quand che l’amor a j’era pì fort
per la Madòna e per i povri Mòrt,

le fomnette montavo su sla Ròca,
con el sol, con la pieuva e con la fiòca,

girand an fila ‘ntorn a col pilon,
a rosariavo con tanta divossion.

A l’era un’ usansa talment bela
che fin-a De Amicis veul contela

an col liber scrivù tanti ani fa,
“Alle porte d’Italia” intitolà.

Andoma, Cavoureis, lassù a trovela
la nòstra Madonin-a tanto bela,

tornoma pì soens fin-a sla sima
a dije quaic rosari come prima!


Guido Ferrero
“ragazzo del ‘99”

 

 

Condividi questa pagina su